chimica verde

Quo Vadis Chimica? Dalla chimica del futuro al futuro della chimica

Risulta ormai chiaro da almeno cent’anni: i princìpi primi – o le verità ultime, dipende dai punti di vista – sulle quali si fonda la nostra realtà tangibile non potranno essere più spiegati in ambito scientifico dalla chimica, bensì dalla fisica.
il futuro della chimica e della fisicaMagari dalla fisica delle particelle, o da qualche altra disciplina ancora più elementare di questa che di comune accordo gli scienziati potrebbero decidere di fondare nel prossimo futuro, magari proponendone una sorta di emancipazione persino dalla tradizione sperimentale, tanto il ruolo della matematica sarà passato da quello di linguaggio e di metodo di scienza a quello di ente in grado di autodeterminarsi.
chimica nel futuroForse in futuro alla chimica toccheranno le briciole, obiettivi pragmatici di poco conto come per esempio riprodurre o creare la vita, oppure dare base all’intelligenza – sia essa biologica o artificiale – ed infine fornire la vile materia, per quanto innovativa nella sua composizione, con la quale saranno costituiti gli umili strumenti scientifici che ci consentiranno di avvicinarci sempre di più ai limiti della conoscenza, quasi in una tensione asintotica verso un assoluto dal sapore chiaramente teologico.

Ma facciamo un doveroso passo indietro, torniamo a prendere la questione dall’inizio…

 

UNA SCIENZA CHE HA ESAURITO LE FRONTIERE?

Giovanni BigmaniSi è fatto notare più volte negli ultimi anni come ben pochi dei grandi interrogativi ai quali la scienza non è ancora riuscita a dare risposta siano in ambito chimico (Cosa resta da scoprire?

Continua...

la Chimica Verde: principi e criteri etici (nonché economici) applicati alla produzione industriale

chimica verde - green chemistry

Non è una branca della chimica, non è una specializzazione e neppure una disciplina di settore. La Chimica Verde (in inglese Green Chemistry) è un approccio etico fatto di criteri, di priorità e di obiettivi, quindi a suo modo una filosofia, che attinge dalla conoscenza scientifica della chimica per guidare le applicazioni di questa disciplina, ad iniziare da quelle industriali, verso modalità sostenibili dal punto di vista ambientale ed economico. Non è una branca della chimica, quindi, proprio perché è trasversale e pervasiva di tutti gli altri settori di questa stessa disciplina, da molti dai quali essa attinge conoscenze di base e teoriche, restituendo a beneficio di molti altri nuovi criteri e modalità operative.

Niente a che veder quindi con la chimica dell’ambiente, che invece è sì una disciplina specifica essenzialmente di tipo descrittivo all’interno della scienza chimica, occupandosi dello studio dei fenomeni chimici e biochimici che accadono nell’ambiente naturale, senza per altro fornire un giudizio etico sulle situazioni descritte (la più “naturale” delle molecole ed il più pernicioso degli inquinanti xenobiotici possono infatti rivestire per il chimico ambientale lo stesso grado di “interesse scientifico”), né fornendo indicazioni d’indirizzo politico per far sì che i soggetti gravanti sull’ecosistema modifichino in qualche misura il loro impatto.

Continua...

CERCA LA CHIMICA DI CUI HAI BISOGNO

Sostieni la divulgazione della Chimica

Il tuo libero contributo sarà interamente devoluto alle attività di divulgazione della Chimica.

Richiedi la Newsletter

Una mail settimanale con gli aggiornamenti delle pubblicazioni, le attività dell'Associazione e le novità del mondo della divulgazione chimica

SEGUI CHIMICARE SU FACEBOOK

segui chimicare anche su facebook



ARTICOLI RECENTI

LA NOSTRA STORIA

SEGUI CHIMICARE SU TWITTER

Non solo gli aggiornamenti degli articoli pubblicati sui nostri blog e le novità del Carnevale della Chimica, ma anche le segnalazioni dei migliori interventi di divulgazione chimica in lingua italiana nel web.



zona-2