divulgazione scientifica

L’Italia unita per una corretta informazione e sensibilizzazione scientifica: intervista a Federico Baglioni

Dal 18 al 24 maggio, e in generale per tutto il mese, si è tenuta, nelle principali città italiane, la terza edizione della serie di eventi di divulgazione scientifica organizzati dal movimento culturale Italia Unita per la Scienza. “CapiAmo il Pianeta” è stato il nome dell’iniziativa di quest’anno, una serie di incontri, conferenze e workshop che hanno permesso al pubblico di entrare direttamente in contatto con scienziati e ricercatori, per dimostrare quanto viva, appassionante e fondamentale per lo sviluppo del bene comune sia la ricerca scientifica. In concomitanza con l’EXPO di Milano e dopo le battaglie mediatiche che hanno coinvolto il mondo scientifico nell’ultimo anno (si pensi al caso Stamina, alla missione Rosetta, al crollo delle vaccinazioni), far sentire con forza la voce della ragione diventa sempre più importante. Quest’anno anche l’associazione Chimicare parteciperà con alcuni relatori a queste giornate. Iniziamo quindi questa collaborazione con un’intervista a Federico Baglioni, biotecnologo, divulgatore scientifico e coordinatore nazionale di Italia Unita per la Scienza.

Ciao Federico, rompiamo il ghiaccio iniziando a parlare della catena di eventi che ha portato alla nascita di Italia Unita per la Scienza. Perché non ci racconti brevemente le origini e gli scopi della vostra associazione?

continua

La diffusione della cultura della chimica al di fuori della scuola: dalla realizzazione di un database alle considerazioni di metodo

L’articolo in oggetto è stato presentato dai suoi autori, Franco Rosso e Francesca di Monte, come contributo orale e poster in occasione del XVIII Congresso Nazionale della Divisione di Didattica della Società Chimica Italiana (Napoli, 11-13 ottobre 2013).
Il lavoro originale è scaturito dalla ricerca effettuata nel 2012 da Francesca di Monte in qualità di tesi conclusiva dello stage svolto presso l’Associazione Culturale Chimicare per il Master in Giornalismo Scientifico e Comunicazione Istituzionale della Scienza organizzato dall’Università degli Studi di Ferrara.

Con questo studio l’associazione Chimicare ha voluto indagare, con criteri il più possibile sistematici ed obiettivi, le modalità attraverso le quali è stata affrontata la divulgazione della chimica (ovvero della sua diffusione culturale in ambiti diversi da quello didattico e da quello professionale) in Italia a partire dalla metà del XIX secolo ai giorni nostri, insieme ai Soggetti che sono stati artefici di tali interventi, con il fine di poter sviluppare un modello supervisionato descrittivo dello scenario, delle relazioni e delle tendenze più attuali della diffusione della cultura della chimica in ambito non professionale e non scolastico nel nostro Paese.

NOTA VIDEO
L’intervento orale, tenuto dal presidente dell’associazione Franco Rosso, si è collocato nell’ambito della IV sessione del Convegno, nel pomeriggio di sabato 12 ottobre, dedicata al tema de “La cultura della chimica dentro e fuori la Scuola: percorsi da enti di ricerca, science centers, istituzioni europee…”, con il coordinamento in qualità di chair man del prof.

continua

Comunicare la Scienza tramite i blog: intervista a Corrado Prever, webmaster

[ Intervista a Corrado Prever, webmaster ed esperto SEO con formazione scientifica (geologo), con alle spalle un’esperienza da blogger, nonché storico associato Chimicare. ]

Chimicare – La comunicazione scientifica ai tempi del web.2: mettendosi dal punto di vista dell’utente, ovvero del navigatore, quali sono i vantaggi e quali gli svantaggi del pluralismo democratico applicato ai mezzi informativi?

Corrado PreverC.P. – Prima di tutto un saluto a tutti gli associati, è un privilegio poter essere qui oggi seppur in forma virtuale per rispondere a queste domande.
L’utente di internet oggi si trova di fronte davvero ad un mare di informazioni, un oceano, quasi sempre disorganizzate, spesso frammentarie e talvolta errate.  Non è raro trovare pagine mancanti, collegamenti poco chiari, siti che parlano di tutto e di niente.
Gli algoritmi di ricerca di Google e di altri motori di ricerca ancora sono ben lontani dal capire se le pagine che suggeriscono nella ‘top ten’ sono davvero le pagine migliori qualitativamente e quantitativamente in merito ad una certa ricerca effettuata.
Nonostante questo quadro i vantaggi che ha oggi l’utente sono comunque indubbi.   Nell’era del web 2.0 non solo è possibile reperire informazioni di qualità ma anche intervenire in prima persona scrivendo opinioni, considerazioni, esperienze, suggerimenti.  

continua

La chimica presentata ai giovanissimi a Scienzartambiente 2012

di Nicole Ticchi

installazione chiostroSi sono chiusi da qualche giorno gli ombrelli rossi di Scienzartambiente 2012, tenutosi a Pordenone dal 17 al 21 Ottobre, festival della divulgazione scientifica aperto a tutti, grandi e piccini, con eventi per tutti i gusti e le età.  Conferenze, letture, mostre fotografiche e laboratori per giocare, imparare e divertirsi con la scienza in tutte le sue forme.
La presenza della chimica è stata importante: laboratori aperti a scuole elementari e medie ma anche a i cittadini curiosi a scopo ludico-didattico hanno permesso di avvicinarsi al concetto di chimica come scienza e come mezzo d’indagine per l’uomo, ma soprattutto come insieme di elementi che circondano e compongono noi stessi.
Chimicare, come associazione culturale, ha dato la possibilità di svolgere alcune esperienze utilizzando materiali prevalentemente di uso quotidiano per spiegare alcuni dei fenomeni più comuni e per far capire l’importanza della chimica nelle operazioni che tutti i giorni conduciamo ormai automaticamente.  L’idea dello scienziato pazzo che fa esplodere tutto lascia spazio ad un’idea più consapevole della figura del chimico e del suo mondo, un mondo che appartiene a tutti noi in ogni momento della nostra giornata.

giovanissimi della scuola primaria al tavolo degli esperimenti

giovanissimi della scuola primaria al tavolo degli esperimenti

A partire dagli esperimenti per i più piccini, dove i classici della cucina come acqua, zucchero, aceto, olio e bicarbonato si sono combinati tra loro in una grande varietà di reazioni per dare soluzioni, effervescenze ed emulsioni, a dimostrazione del fatto che nel nostro quotidiano siamo tutti piccoli chimici, anche quando ci apprestiamo prepararci un semplice piatto di pasta.  

continua

#33 Carnevale della Fisica: “Le basi fisiche della conoscenza chimica”

principi matematici della filosofia naturale - Isaac Newton

principi matematici della filosofia naturale – Isaac Newton

LA FISICA COME
“ATOMO SCIENTIFICO”

Allo stesso modo nel quale l’atomo – per lo meno nella sua accezione filosofica – costituisce l’unità minimale ed indivisibile della materia, così la fisica rappresenta (almeno secondo il pensiero laico) la spiegazione ultima della  Natura, dei suoi fenomeni e – in un certo senso – della sua natura.   Chiedo scusa per l’apparente tautologia, ma come avrete notato, il termine natura compare in questa espressione con due significati fra loro ben diversi.§Non per niente fino a pochi secoli fa, quando i suoi confini rispetto ad altre discipline risultavano ancor più sfumati di oggi, la fisica era anche chiamata “filosofia naturale”.   E non si creda che i prodotti dell’arte umana di creare oggetti e manufatti, fra i quali nuove molecole, nuovi elementi e persino sorgenti di energia che egli stesso non aveva mai incontrato prima, si collochino al di fuori di questo concetto di Natura.   Diversamente dalla visione antitetica uomo/natura, che ha portato fra le altre conseguenze ad una demonizzazione “di principio” dell’artificio umano sullo scenario di un natura in sé stessa per definizione perfetta, equilibrata, autosufficiente e benigna, il concetto di “Natura” al quale si riferisce la fisica può con maggiore correttezza essere letto come “Realtà”.

continua

“Le basi fisiche della conoscenza chimica” – il #33 Carnevale della Fisica sarà ospitato nel blog chimiCOMPRENDE

 

Il Carnevale della Fisica di luglio 2012 sarà ospitato dall’Associazione Culturale Chimicare nel suo sito capostipite www.chimicare.org ed avrà per oggetto “Le basi fisiche della conoscenza chimica”.

 

PRESENTAZIONE DEL TEMA
 

carnevale della fisica - logoSe la chimica, con i suoi oggetti ed i suoi fenomeni, affonda le radici nella fisica tanto da poter essere sotto un certo punto di vista considerata alla sorta di una scienza di dettaglio, quasi una speculazione all’interno dell’universalità di quella che un tempo era definita “la filosofia naturale”, la frequenza ridotta ed il livello di trattazione – spesso troppo professionale o, al contrario, eccessivamente superficiale – di questa zona d’interfaccia, ovvero di quelle parti della fisica che giustificano, spiegano e sorreggono le fondamenta della disciplina chimica, risultano evidenze ancor più inspiegabili all’interno di una blogsfera dove ormai si parla veramente di tutto ed in tutti i modo possibili.
fotomontaggio di Erwin Schodinger insieme all'equazione che porta il suo nome
 
Dalla struttura dell’atomo alle interazioni fra onde elettromagnetiche e materia, dalle transizioni di fase alla cinetica dei gas, dalla natura dei plasma alle proprietà dei cristalli, dalle reazioni nucleari agli orbitali di antilegame…
Qualcuno ha detto che l’irrinunciabilità del ricorso ai formalismi, tanto a quelli concettuali quanto a quelli matematici, per descrivere un fatto scientifico non è altro che un sintomo di una conoscenza non ancora sufficientemente profonda dell’argomento.

continua

“Parlar di Chimica”: il concorso per la chimica divulgata

Manca poco più di un mese alla “chiusura delle consegne” per il concorso Parlar di Chimica, l’evento nazionale che premia testi di divulgazione scientifica della chimica promosso dall’Associazione Culturale Chimicare.

Lanciato in occasione della Settimana Nazionale della Chimica, il 10 ottobre scorso, a cura di Silvia Caruso nella promettente cornice del festival Scienzartambiente di Pordenone, il concorso si pone come obiettivo quello di fare uscire allo scoperto, supportare, fornire visibilità, promuovere ed aggregare tutti coloro che, seppur a vario titolo, sono interessati al processo di diffusione della cultura della chimica fra i non addetti ai lavori, contribuendo così a migliorare la qualità della divulgazione della chimica nel nostro Paese.

 (introduzione a Scienzartambiente 2011 a cura di Chiara Sartori; dal 5.56 min. presentazione del concorso “Parlar di Chimica” a cura di Silvia Caruso)

Almeno per questa prima edizione gli organizzatori hanno preferito non differenziare eventuali classi di concorso (es. professionisti / scuole): per ovviare a questa criticità, il partecipante è chiamato a dichiarare nelle domanda di iscrizione, fra le altre cose, anche il/i target di destinazione del proprio intervento, ovvero il tipo di pubblico per il quale è stato pensato l’articolo.
Parlar di Chimica - logoDi conseguenza “Parlar di Chimica” è un concorso aperto a tutti, dai professionisti ai semplici appassionati fino agli studenti della scuola secondaria, passando dal mondo della scienza a quello della comunicazione.    

continua

Scienzartambiente 2011 “Elementa” a Pordenone con la partecipazione dell’associazione Chimicare

spazio

40 appuntamenti in 5 giornate che dal 12 al 16 ottobre vedranno l’intrecciarsi di scienza, di arte e di tematiche ambientali: in una parola unica Scienzartambiente – per un mondo di pace – giunto quest’anno alla sua 15° edizione. Un classico della cultura pordenonese che in questo 2011, Anno Internazionale della Chimica, assume una connotazione inequivocabile sotto la denominazione di Elementa.

conferenza stampa scienzartambiente 2011 - ElementaGià dalla conferenza stampa di presentazione, tenutasi lunedì 10 ottobre presso la sala della Giunta Comunale di Pordenone, è emersa la solidità e l’articolazione di questa edizione della manifestazione, come emerge dalle dichiarazioni dei principali fautori dell’iniziativa:

Claudio Cattaruzza, assessore alla cultura di Pordenone:   “Una manifestazione solida, forte di 15 anni di vita, che sa trattare in una maniera accessibile a tutti degli argomenti che sembrano, e sembrano soltanto, ostici ma anche un festival per la pace, che favorisce il dialogo”.
Fabio Carniello, direttore di Immaginario Scientifico:   “Un programma di tutto rispetto la divulgazione scientifica promuove l’apertura della scienza verso tutti ed è importante per il cittadino far parte di questa cultura perché la società di oggi è fortemente tecnologica e quindi scientifica”.
Chiara Sartori, curatrice di Scienzartambiente:   “Scienzartambiente è sempre stato un ponte non solo tra la scienza e la società in generale, ma anche in particolare con il mondo delle scuole e dei giovani.

continua

dal giornalismo alla divulgazione: come e perché si comunica la scienza

spazio

PREMESSA

spazio Giornalista scientifico e divulgatore scientifico: due figure confrontabili e talvolta parzialmente sovrapposte ma non per questo identiche, troppo spesso confuse fra loro nell’immaginario non soltanto del grande pubblico ma, si constata talvolta, anche di taluni addetti ai lavori.   Diversi per formazione, per intenti, per priorità e per metodi, anche nel caso in si trovino, eventualmente, a parlare del medesimo argomento.   E poi ancora, formatori, informatori, insegnanti ed esperti di didattica.
blocco noteQuesto intervento prova a riassumere in poche battute uno degli argomenti di discussione e di dialogo più vivaci in seno all’Associazione Culturale Chimicare.    Pur non avendo personalmente una piena dimestichezza formale con alcuni dei concetti espressi (personalmente sono un chimico, che “fra le altre cose” si occupa di divulgazione della chimica, per quanto abbia avuto alle spalle un paio d’anni di praticantato giornalistico), grazie anche al bacino professionale di utenza che si e’ venuto a creare in ambito associativo mi e’ stato possibile contare sull’aiuto e sul contributo di diversi colleghi più esperti di me nel campo della didattica, della formazione, della comunicazione in genere e dello stesso giornalismo scientifico.

spazio

ANALISI DEI TERMINI (oltre la definizione da dizionario)

spazio Comunicazione
Il termine “comunicazione” sta indubbiamente gerarchicamente al di sopra di tutti gli altri dell’elenco, in quando indica l’atto stesso della relazione, diretta o indiretta, fra due o più soggetti instaurata allo scopo di trasmettere, in modo mono-, bi- o polidirezionale dei contenuti, siano essi informazioni, opinioni, semplici emozioni o altro.

continua

il Festival della Chimica 2011, in collaborazione con l’Associazione Culturale Chimicare

Festival della Chimica, 3° edizione 2011 – Matera, 19-20 maggio 2011
spazio
Cos’è e come si è sviluppato il Festival
Il Festival della Chimica è un evento promosso dalla SCI (Società Chimica Italiana) sezione di Basilicata in collaborazione con il Dipartimento di Chimica dell’Università degli Studi della Basilicata.
Festival della Chimica 2011 - Matera, 19-20 maggio“Nel corso degli anni ci siamo accorti che giornate come quelle dei “laboratori aperti” o i vari “Open Day” hanno dato la possibilità a tantissimi studenti delle scuole medie di II grado di avvicinarsi alla chimica in modo informale, ma anche puntuale e consapevole” – afferma Nadia Di Blasio – chimico e divulgatrice scientifica per l’Associazione Culturale Chimicare – “Ci siamo accorti di quanto fosse importante aprire l’università al territorio e, perché no, portare l’università fuori.   Nasce così il Festival della Chimica.”

La prima edizione del Festival si è svolta nel 2009 a Potenza.   In quell’occasione è stato ricordato il centennale della SCI e grazie al Comune di Potenza è stato possibile rivolgere l’iniziativa a tutta la cittadinanza.   Scolaresche e anche singoli cittadini hanno partecipato a conferenze divulgative di base chimica e hanno visitato mostre.
La seconda edizione (2010) è stata invece itinerante: tre tappe (Lauria, provincia di Potenza, Melfi, provincia di Potenza e Policoro, provincia di Matera) hanno permesso ai chimici e a tutti i divulgatori scientifici di incontrare tantissimi studenti della scuola media superiore di II grado.  

continua

Sostieni la divulgazione della Chimica

Il tuo libero contributo sarà interamente devoluto alle attività di divulgazione della Chimica.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

RICHIEDI LA NEWSLETTER

Una mail settimanale con gli aggiornamenti delle pubblicazioni, le attività dell'Associazione e le novità del mondo della divulgazione chimica

PARTNERSHIP

Associazione Levi-Montalcini

SEGUI CHIMICARE ANCHE SU FACEBOOK

segui chimicare anche su facebook

ARTICOLI RECENTI

ARCHIVIO ARTICOLI PER MESE

SEGUI CHIMICARE ANCHE SU TWITTER

Non solo gli aggiornamenti degli articoli pubblicati sui nostri blog e le novità del Carnevale della Chimica, ma anche le segnalazioni dei migliori interventi di divulgazione chimica in lingua italiana nel web.