divulgazione

Separare, trasformare, rivelare: le tre azioni che Chimicare condividerà con i giovanissimi a Scienzartambiente XVIII ed. a Pordenone

Scienzartambiente XVIII edizione, 2013Se i “mondi in muta” è stato scelto come la tematica di questa XVIII edizione del festival scientifico Scienzartambiente che si terrà a Pordenone dal 16 al 20 ottobre 2013, la chimica risulta essere con tutta probabilità una delle migliori prospettive scientifiche per osservare e descrivere i mutamenti, per rilevarli ed infine addirittura per indurli.
A onor del vero, quasi tutte le discipline scientifiche, o forse bisognerebbe dire il sapere in generale, parlano di trasformazione e mutamenti, basandosi su una semplice descrizione dei fatti oppure facendosi artefici del mutamento con un approccio più marcatamente sperimentale.
La chimica rappresenta tuttavia il livello più profondo per descrivere i mutamenti fondamentali nella natura stessa delle cose, almeno di quelle materiali, tenendo però i piedi sempre ben ancorati nella realtà della quale possiamo avere esperienza diretta, ovvero nel nostro mondo e qui, nel nostro tempo.
L’intervento a cura dell’Associazione Culturale Chimicare nel noto festival scientifico friulano giunto quest’anno alla sua maggiore età della 18° edizione, oltre ad interventi più mirati ai ragazzi delle scuole secondarie di secondo grado inerenti la chimica degli alimenti e la chimica dei cosmetici, riprenderà per il secondo anno consecutivo il format denominato “Proprio un Jukebox di Chimica”. Continua...

Possiamo davvero fidarci della Scienza? Se sì, come e perchè

IL SOSPETTO DI MARTIN MYSTERE

Ricordo ancora un episodio del fumetto Martin Mystere, pubblicato dall’editore italiano Bonelli già anni prima del ben più conosciuto Dylan Dog.  Un mio amico, allora ragazzo, grande appassionato della scienza specie di quella più “anomala”, collezionava e leggeva avidamente questo fumetto alla ricerca di qualcosa che andasse oltre a quanto la cosiddetta scienza ufficiale ci raccontava: qualche spunto, qualche elemento di riflessione… Non che si potesse prendere la fantasia di un fumetto come una fonte di informazione scientifica, ovviamente questo lo si sapeva, ma in fondo in cuor nostro si percepiva già il ruolo di quelle che lo stesso Popper definiva “metafisiche”, assegnando loro il ruolo di potenziali precursori intuitivi, di tipo pre-scientifico.  Un po’ come la visione atomista di Democrito, per intenderci.

Dell’episodio in questione, ricordo comunque una sola scena, quella che ormai è diventata un “must” paradigmatico nelle discussioni da pub scientifico con i miei amici.
Il protagonista, Martin Mystere appunto, riesce a mettere le mani su un microscopio potentissimo, uno di quelli con un grado di risoluzione sull’ordine di grandezza delle molecole: ve ne sono pochi nel mondo (ovviamente stiamo parlando del mondo di fantasia descritto nella vicenda) e sono tutti strettamente sotto controllo di importanti enti ed organizzazioni direttamente o indirettamente controllati dai governi o da qualche altra diabolica istituzione ideata ad hoc… Eh già, il complottismo è sempre un ingrediente essenziale per ogni buona storia che comporti una scienza anomala, o per lo meno celata! Continua...

dal giornalismo alla divulgazione: come e perché si comunica la scienza

spazio

PREMESSA

spazio Giornalista scientifico e divulgatore scientifico: due figure confrontabili e talvolta parzialmente sovrapposte ma non per questo identiche, troppo spesso confuse fra loro nell’immaginario non soltanto del grande pubblico ma, si constata talvolta, anche di taluni addetti ai lavori.   Diversi per formazione, per intenti, per priorità e per metodi, anche nel caso in si trovino, eventualmente, a parlare del medesimo argomento.   E poi ancora, formatori, informatori, insegnanti ed esperti di didattica.
blocco noteQuesto intervento prova a riassumere in poche battute uno degli argomenti di discussione e di dialogo più vivaci in seno all’Associazione Culturale Chimicare.    Pur non avendo personalmente una piena dimestichezza formale con alcuni dei concetti espressi (personalmente sono un chimico, che “fra le altre cose” si occupa di divulgazione della chimica, per quanto abbia avuto alle spalle un paio d’anni di praticantato giornalistico), grazie anche al bacino professionale di utenza che si e’ venuto a creare in ambito associativo mi e’ stato possibile contare sull’aiuto e sul contributo di diversi colleghi più esperti di me nel campo della didattica, della formazione, della comunicazione in genere e dello stesso giornalismo scientifico.

spazio

ANALISI DEI TERMINI (oltre la definizione da dizionario)

spazio Comunicazione
Il termine “comunicazione” sta indubbiamente gerarchicamente al di sopra di tutti gli altri dell’elenco, in quando indica l’atto stesso della relazione, diretta o indiretta, fra due o più soggetti instaurata allo scopo di trasmettere, in modo mono-, bi- o polidirezionale dei contenuti, siano essi informazioni, opinioni, semplici emozioni o altro. Continua...

nasce l’Associazione Culturale Chimicare: lettera aperta del Presidente ai lettori di Chimicare per introdurre la nuova organizzazione no-profit


FrancoCari amici e affezionati lettori,

lo so, non siete di certo abituati ad un mio intervento diretto, in prima persona, sentito e partecipato come, se solo il mezzo lo permettesse, potrebbe esse una lettera autografa vecchia maniera.
Ma l’occasione in questo caso lo richiede, in quanto l’avventura sulla quale molti di noi si sono imbarcati a partire dal settembre 2009 e poi nei mesi e negli anni a seguire, ci ha portati ad una svolta. Un punto di arrivo che è in effetti soltanto un nuovo inizio, un piccolo grande traguardo che getta le basi per un nuovo progetto condiviso, responsabile ed impegnativo per tutti noi, ma certamente forte di una carica innovativa e di un’idea prorompente nell’ambito della divulgazione scientifica nel nostro Paese.
Chimicare.org, i suoi collaboratori, i suoi fondatori ed il curatore scientifico hanno voluto consolidare e rendere per così dire “ufficiale” il loro impegno a favore della divulgazione della chimica, di quella “chimica per i non chimici”, come ha recitato fin dall’inizio il motto dell’iniziativa, destinata non tanto o “non solo” agli specialisti, chimici o altre figure tecniche e scientifiche affini, ma piuttosto al grande pubblico, quello composto da appassionati e curiosi, studenti ed insegnanti, esperti in altri settori ed addetti dell’informazione. Continua...

“il punto di vista chimico” alla Settimana della Scienza di Gallarate


relatori della presentazione di ChimicarePiù di 200 partecipanti, quasi tutti ragazzi degli ultimi anni delle scuole medie superiori organizzati per classi, ma anche qualche alunno più giovane, insieme ai loro insegnanti ed ai direttori didattici hanno partecipato venerdì 18 marzo, in tarda mattinata, all’evento dal titolo “Descrivere, Comprendere, Creare: il punto di vista chimico”: uno slide-show con quiz a premi organizzato da Chimicare grazie al fondamentale supporto di Gravità Zero nell’ambito dell’annuale rassegna della Settimana della Scienza di Gallarate (VA), avente quest’anno come tema “Memoria Futuro”.

L’evento che ha coinvolto tutti gli istituti scolastici secondari del distretto di Gallarate ha visto alternarsi nel corso della settimana incontri, conferenze, exhibit di lavori scientifici realizzarti dai ragazzi nel corso dell’anno, fra

i quali spiccano un modello meccanico animato del sistema solare ed una rappresentazione statica in scala delle dimensioni relative degli stessi pianeti e delle loro distanze.

Significative le presenze di personalità di spicco del mondo scientifico e della divulgazione, operanti in ambiti estremamente diversi fra loro: dalla cucina molecolare all’archeologia, dalla crittografia all’astronomia, dalla tutela del beni culturali alla gestione energetica, con una copertura mediatica garantita dalla presenza di operatori del settore giornalistico e televisivo. Continua...

2011 Anno Internazionale della Chimica: i protagonisti e i temi di una sfida quasi epica in favore della sostenibilità

spazio

Lo sviluppo sostenibile passerà necessariamente dalla chimica.   Come conoscenza scientifica, nelle sue applicazioni tecnologiche ma, soprattutto, come consapevolezza.  Ancora tutta da maturare.

“Accolgo con favore l’opportunità di celebrare la chimica, una delle scienze fondamentali” ha detto il Direttore Generale dell’UNESCO, Koichiro Matsuura. “Accrescere la consapevolezza sulla chimica è ancora più importante se pensiamo alla sfida rappresentata dallo sviluppo sostenibile. È sicuro che la chimica giocherà un ruolo importante nello sviluppo di fonti alternative di energia e nel provvedere al sostentamento della popolazione mondiale” ha aggiunto.

Già, perché è stata proprio l’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU), riunitasi a New York nel settembre 2009 nella sua 63esima Assemblea Generale, ad accogliere con entusiasmo, la risoluzione dell’Etiopia nella quale si chiedeva l’istituzione di un Anno celebrativo delle conquiste della chimica e del suo contributo al benessere dell’umanità.   Ohibò, l’Etiopia?  Suona strano?  No, non suona per niente strano.   Credo che certi Paesi  meglio di altri si trovino in una situazione economica e sociale di cruda consapevolezza, tale da tutelare non soltanto la classe politica ma anche la base popolare dal rischio di voler gettare via il bambino con l’acqua sporca.  Non fatemi aggiungere altro, almeno per ora.
Sempre secondo fonte ONU, la scelta del tema di questo Anno Internazionale rappresenta anche un modo per sollevare l’attenzione sul decennio delle Nazioni Unite dell’educazione allo sviluppo sostenibile 2005-2014.   Continua...

soggetti e criteri nella divulgazione chimica di base

( continua come seguito del post precedente: “domande e non risposte nella divulgazione di base in chimica“)

[…]
Il rischio al quale si va incontro, a danno tanto del fruitore quanto del chimico, è che l’attenzione del cittadino navigatore nella rete internet venga intercettata, prima che da realtà serie, “di prima mano” o comunque gestite e controllate da professionisti competenti, da siti-strilloni di ampio richiamo, generalisti o che comunque raccolgono e girano senza particolari filtri o giudizi di merito l’informazione disponibile sul web o anche al di fuori di esso.
logo di Wikipedia, realtà fondamentale e di riferimento nella divulgazione scientifica di base Come è noto, salvo alcune rare strutture ben controllate da un’organizzazione superiore competente (es. i siti web dei dipartimenti universitari o di altri enti di ricerca) o da un elaborato sistema di auto-controllo reciproco fra gli autori (es. Wikipedia), in internet non esiste controllo né tantomeno censura relativamente alla veridicità dei contenuti di ciascun sito web, almeno fino al punto che essi non ledano in modo grave i diritti di singole persone fisiche o giuridiche.   Nel caso specifico dell’informazione e della divulgazione scientifica, il risultato all’atto pratico è che ciascuno è libero di scrivere e pubblicare cosa desidera, giusto o sbagliato che sia: è sufficiente essere in possesso di quel minimo di capacità informatiche per mettere oline una pagina scritta (e sono probabilmente decine di migliaia gli italiani con questa capacità). Continua...

domande e non-risposte nella divulgazione di base in chimica

Avete mai notato come nella comunicazione scientifica “on demand”, quella che solitamente risponde a slogan del tipo “il chimico risponde”, accade sovente che più la domanda è semplice, più la risposta diventa complessa?
O meglio: più la domanda appare semplice agli occhi di chi la pone (ma alle orecchie dello specialista risulta nel migliore dei casi mal posta, in altri addirittura un po’ naif), più la risposta tende ad essere una sorta di non-risposta, trasformandosi piuttosto in un vagone più o meno compresso di argomentazioni che avrebbero nel loro insieme la funzione, più che di soddisfare in modo puntuale una domanda che non contempla una vera risposta con queste caratteristiche, di fornire all’interlocutore metodi e strumenti di ragionamento ed interpretazione fondamentali per potergli consentire non soltanto di rispondere da solo al quesito posto, ma soprattutto per aiutarlo a “convincersi” che quella fornita sia proprio la risposta corretta. Perché perdere tempo per convincersi? Sia per accettare meglio la validità ed il significato di una “non-risposta”, quando magari ci saremmo aspettati al suo posto una risposta circostanziata e puntuale, sia per metterci in futuro nelle condizioni di provare ad individuare autonomamente delle risposte in relazione a situazioni solo apparentemente diverse ma che possono essere facilmente ricondotte ad un minimo comune denominatore. Continua...

CERCA LA CHIMICA DI CUI HAI BISOGNO

Sostieni la divulgazione della Chimica

Il tuo libero contributo sarà interamente devoluto alle attività di divulgazione della Chimica.

Richiedi la Newsletter

Una mail settimanale con gli aggiornamenti delle pubblicazioni, le attività dell'Associazione e le novità del mondo della divulgazione chimica



SEGUI CHIMICARE SU FACEBOOK

segui chimicare anche su facebook



ARTICOLI RECENTI

LA NOSTRA STORIA

SEGUI CHIMICARE SU TWITTER

Non solo gli aggiornamenti degli articoli pubblicati sui nostri blog e le novità del Carnevale della Chimica, ma anche le segnalazioni dei migliori interventi di divulgazione chimica in lingua italiana nel web.