distillazione

Come concentrare una soluzione: i mille approcci per i mille casi (parte I)

Un lettore di Chimicare ci scrive per domandarci quali approcci possono essere seguiti per concentrare una soluzione.
pigmento in soluzione a diverse concentrazioniCi ho pensato un po’ su, per cercare di enumerare brevemente le tecniche disponibili; poi mi è venuto in mente che non mi era stato detto di quale solvente si trattasse, e neppure se fosse liquido, gassoso o solido (ebbene sì, perché le soluzioni possono aversi in ciascuno stato della materia), ed infine quale fosse il soluto da concentrare. In altre parole se esso, considerato allo stato puro ed in condizioni di temperatura e pressione ambiente, fosse stato a sua volta un solido, un liquido o un aeriforme, ed infine in suo peso molecolare, il suo punto di ebollizione, la sua stabilità termica, la sua polarità, le sue proprietà elettrolitiche…
In pratica più ci pensavo, più mi accorgevo che da un lato le tecniche disponibili erano molte ed utilizzabili secondo molteplici accorgimenti, dall’altra che questa molteplicità diciamo così “nell’offerta” tecnologica era motivata semplicemente dal fatto che la domanda stessa era al suo interno drammaticamente diversificata.

La concentrazione di una soluzione, infatti, può essere ritenuta come un sotto-caso, a dire il vero uno dei più importanti, all’interno della cosiddetta Scienza delle Separazioni.
20th ISSS 2014Un argomento questo oggetto di interi percorsi d’insegnamento universitari, in particolare nei corsi di laurea in chimica industriale ed in ingegneria chimica, di una moltitudine di pubblicazioni e di convegni periodici organizzati ormai in ogni nazione progredita (vedasi quello della SCI in Italia). Continua...

cos’è la distillazione? introduzione alla separazione di sostanze volatili in miscela

di Nadia Di Blasio


In generale per separare due entità occorre valutare quale sia l’elemento o la proprietà che le differenzia e sfruttare questa diversità per la discriminazione.   Separare due sostanze implica lo stesso ragionamento ed in particolare nel caso della distillazione si sfrutta come proprietà discriminante il diverso punto di ebollizione delle sostanze che vogliamo separare.

Se nella miscela sono presenti composti diversi ciascuno caratterizzato da un determinato punto di ebollizione allora posso pensare di portare ad ebollizione il primo, farlo “evaporare” tutto, quindi raggiungere il punto di ebollizione del secondo componente ed “evaporare” anche questo.   In questo modo avremo separato le due componenti della miscela.  Vediamo cosa significa nella pratica operare secondo questa tecnica.

Un pallone di vetro contiene la miscela di composti che vogliamo separare oppure le vinacce fermentate con l’aggiunta di poca acqua per la produzione di grappa.   Questo pallone verrà lentamente e gradualmente riscaldato. Al pallone è collegato un tubo di vetro attraverso il quale potranno salire i vapori quando verrà raggiunto il punto di ebollizione del componente più bassobollente della miscela.   Sul tubo di vetro viene posizionato un termometro che indicherà con precisione la temperatura dei vapori che giungono al bulbo.   È importante sottolineare che in questo caso la temperatura misurata e quella dei vapori giunti quasi in cima alla colonna di vetro; poter leggere questa temperatura ci può dare certezza della sostanza che stiamo distillando se ne conosciamo il punto di ebollizione!   Continua...

CERCA LA CHIMICA DI CUI HAI BISOGNO

Sostieni la divulgazione della Chimica

Il tuo libero contributo sarà interamente devoluto alle attività di divulgazione della Chimica.

RICHIEDI LA NEWSLETTER

Una mail settimanale con gli aggiornamenti delle pubblicazioni, le attività dell'Associazione e le novità del mondo della divulgazione chimica

SEGUI CHIMICARE ANCHE SU FACEBOOK

segui chimicare anche su facebook



ARTICOLI RECENTI

LA NOSTRA STORIA

SEGUI CHIMICARE ANCHE SU TWITTER

Non solo gli aggiornamenti degli articoli pubblicati sui nostri blog e le novità del Carnevale della Chimica, ma anche le segnalazioni dei migliori interventi di divulgazione chimica in lingua italiana nel web.



zona-2