sostanze

Dose ed effetto? Un connubio perfetto. I meccanismi di tossicità delle sostanze.

Diceva Paracelso: “Omnia venenum sunt: nec sine veneno quicquam existit. Dosis sola facit, ut venenum non fit.”. In parole povere, è la dose che fa il veleno. Proprio così. Come non si può asserire che la differenza tra naturale e sintetico sia il fattore determinante per definire una sostanza come tossica o non tossica, allo stesso modo non è assolutamente corretto affermare che esistano sostanze del tutto prive di tossicità. Cosa possiamo fare? L’unica possibilità è stilare una scala di pericolosità sulla base dell’unico parametro che può veramente fare la differenza: la dose. Questo non sempre è vero, ma ne parleremo in un secondo momento. 

drink mePrima di iniziare, una premessa molto importante. Tutto, a partire dall’uomo, le altre specie viventi, l’universo, il cielo, la terra, proprio tutto, è materia, organizzata in sistemi caratterizzati da una diversa complessità, ma sempre di materia si tratta. E la materia, a sua volta, non è altro che un insieme di atomi, che si combinano tra loro in maniera diversa e che danno origine a molecole, a loro volta legate tra loro a formare sistemi sempre più complessi. Insomma, siamo fatti di chimica, noi e tutto il resto. Siamo fatti di atomi, in tutto e per tutto. Continua...

come eliminare gli odori dal frigo

Su come eliminare gli odori non proprio gradevoli di alcuni alimenti dal frigorifero di casa, evitando fra l’altro che ne vengano contaminati alimenti che dovrebbero restarne privi, ne sono già state dette tante.

frigorifero di casa, pieno di cibi, dove talvolta gli odori si mescolano e si accumulano sgradevolmente Le nostre mamme e le nostre nonne ci hanno tramandato metodi che vanno dal lavaggio delle pareti del frigo con una spugnetta imbevuta di aceto bianco allo stesso lavaggio praticato però con il bicarbonato di sodio sciolto in acqua, passando per il succo di limone fino a proporre di sistemare una vaschetta con del bicarbonato in polvere in un angolo del frigorifero.    Non sarò di certo io in questa sede a causare conflitti generazionali affermando che questi metodi siano inutili, però già in premessa volevo richiamare l’attenzione su due aspetti relativi a questi approcci, indipendentemente dal fatto che essi siano o meno efficaci, prima di proporre la mia soluzione alternativa.

Il primo problema di questi interventi è che essi solitamente prevedono un qualche lavaggio delle pareti: soluzione questa che anche fornendo risultati accettabili avrebbe senso solo su di un frigorifero nuovo o comunque svuotato, richiederebbe di tenerlo aperto per un lungo periodo e quindi non è adatto per un apparecchio in funzione e con dentro gli alimenti ed infine, diciamolo pure… richiede pur sempre un certo investimento di tempo per essere realizzato. Continua...

CERCA LA CHIMICA DI CUI HAI BISOGNO

Sostieni la divulgazione della Chimica

Il tuo libero contributo sarà interamente devoluto alle attività di divulgazione della Chimica.

RICHIEDI LA NEWSLETTER

Una mail settimanale con gli aggiornamenti delle pubblicazioni, le attività dell'Associazione e le novità del mondo della divulgazione chimica



SEGUI CHIMICARE ANCHE SU FACEBOOK

segui chimicare anche su facebook



ARTICOLI RECENTI

LA NOSTRA STORIA

SEGUI CHIMICARE ANCHE SU TWITTER

Non solo gli aggiornamenti degli articoli pubblicati sui nostri blog e le novità del Carnevale della Chimica, ma anche le segnalazioni dei migliori interventi di divulgazione chimica in lingua italiana nel web.